sabato 5 gennaio 2013

La casa con la piscina dentro (i miss Dordogne_estate 2012)


La nostra settimana in Dordogne è stata così unica che da qualche parte devo pur cominciare a raccontare. Volevamo una casa con piscina. L'abbiamo cercata a lungo con la solita ricerca matta e disperata che caratterizza la nostra primavera ogni anno. Avrò inviato migliaia di mail, valutato regioni, distanze, costi. Finalmente l'ho trovata. Era lei, non c'era dubbio. Un po' decentrata rispetto a quello che avremmo voluto, ma decisamente conveniente dal punto di vista economico (fatto questo che ha inciso non poco sulla decisione finale). E poi grande, grandissima. E soprattutto con una piscina privata indoor. Ne avete mai avuta una? beh, io mai, e non penso che mi ricapiterà!
Questa è stata la base delle nostre scorribande in Dordogne per una settimana nell'agosto 2012..




Ah...sorry. Ma dove diavolo è la Dordogne? In Francia, naturellement, e più precisamente nel mitico sud-ovest. In verità un po' centro, un po' ovest e un po' sud.

E' un posto s-t-r-a-o-r-d-i-n-a-r-i-o. Un fiume - la Dordogne appunto - anzi due - c'è anche la Vezère - , le falesie, i paesini medievali, castelli, grotte e siti preistorici, boschi, campi di grano.








Dalle origini dell'umanità, l'uomo vive in questa valle. Nei ripari "sotto-roccia" come la Roque-St-Cristophe, con una continuità d'uso fino a tempi recenti. Ha dipinto grotte mirabili, alcune quasi inacessibili (accesso limitato ad un numero ristretto di visitatori, sigh), altre "copie" come Lascaux II (che vale comunque la pena di vedere) e altre incredibilmente profonde come Rouffignac dove si scende nel buio delle viscere della terra con tanto di trenino elettrico che ai bambini -e non solo :) -  è piaciuto tantissimo. 




A parte grotte castelli e vilaggi, tutti in Dordogne prima o poi scendono il fiume in canoa. Ingredienti principali: sole a picco e una buona dose di coraggio. Anche se l'attività non è pericolosa, il fiume è poco profondo e la canoa molto stabile. Noi ci abbiamo messo quattro giorni a decidere, abbiamo osservato a lungo le canoe sul fiume e che tipo di persone pagaiavano. Poi abbiamo deciso che non potevamo andar via dalla Dordogne senza scendere il fiume anche noi. E dopo aver letto almeno un milione di depliant abbiamo deciso il percorso, la durata e il punto di partenza. E finalmente viaaaaaaaa!!!!!



In una settimana abbiamo avuto l'imbarazzo della scelta tra le mille cose che si potevano fare e vedere. Alcune grotte come dicevo non siamo riusciti a visitarle e i giorni sono sempre troppo pochi (ma te ne accorgi quando sei là) per fare tutto quello che ti eri ripromesso.

Vi lascio con le foto di un'attività per famiglie a cui abbiamo potuto partecipare al parco di Le Thot , un'area a metà tra il parco faunistico e il parco archeologico vicino a Montignac. Ci siamo iscritti ad un cosiddetto
Atelier d'art pariétal e in uno spazio apposito allestito nel parco abbiamo dipinto gli animali sulla roccia proprio come faceva l'uomo di Cro Magnon.
E' stato molto interessante anche per noi adulti utilizzare carboncini e pennelli vegetali per riprodurre bufali e cavalli su una parete grinzosa che ricordava molto da vicino quella di una grotta prestorica.
I risultati sono stati eccellenti e Franz e Paolo si sono divertiti molto.
  




Ma la Dordogne è stata solo la prima tappa di un lungo viaggio attraverso la Francia. Nel prossimo post vi racconterò di pelota, baschi e onde. Stay tuned!

6 commenti:

mammapiky ha detto...

Che bel posto....ma quando arriva l'estate?????!!!???

francesca ha detto...

Che bella vacanza.....aspettando il resto.....
francesca

Debora ha detto...

Veramente molto bello il tuo racconto, credo che siano stati veramente dei bellissimi posti. Un abbraccio

chiara ha detto...

Ciao,
ci siamo stati anche noi nel 2011 in estate eravamo a Montignac sulla Verzere e ci abbiamo lasciato il cuore!
Che invidia la vostra casetta!
Noi siamo stati in albergo, perchè non avevo trovato case da affittare.
Mi piacerebbe parlare con te della Francia e di viaggi, mi sa che abbiamo molte idee comuni.
Noi quest'anno stiamo pensando di andare a Santiago de compostela,se ti interessa....

neveverde ha detto...

che bei posti.......
antichi magici....mi sa che abbiamo una comune passione per la storia.......forse è stato leggere la parola etruscologa che mi ha colpito ...
comunque montignac non lo conoscevo....ora andrò a curiosare.......
dove hai trovato la casa?
a presto
elo

sly ha detto...

Grazie clara per le dritte..bellissima la vostra vacanza...pensavo di essere gia tua follower...forse perche leggo il tuo nome su fb..