lunedì 1 settembre 2014

A Berlino con i bambini - parchi gioco ovunque!

"Berlin du bist so wunderbar......"

Berlino è una città fantastica e io sono assolutamente di parte.
Mi è capitato di andarci 6 volte e con quest'anno fa 7.
La prima volta c'era ancora il Muro e avevo già capito che avrebbe potuto essere la mia città del cuore. L'ho inseguita per anni e ho cercato di ritornarci il più possibile. Poi la vita, che è strana, ti porta su altre strade, ma Berlino è sempre stata lì nel mio cuore....

Dicevo, quest'anno di ritorno dalla Danimarca abbiamo deciso di fare tappa qui insieme a Franz e Pao. D'altra parte, mi dite come avremmo potuto passare sull'autostrada, vedere l'indicazione 'Berlino' e tirare dritto? Impossibile!

E così - già dall'Italia - abbiamo prenotato un piccolo appartamento nel Mitte, in particolare a GesundBrunnen, che una volta era all'ovest ma a meno di 200m dal Muro ed ora è a solo 5 fermate di metropolitana da "Alex", e cioè Alexaderplatz, hub di congiunzione di tutti i mezzi pubblici che potete desiderare.

Già lì la prima sorpresa. In un quartiere qualsiasi, nè chic nè trendy, dove al supermercato vendevano un tripudio di cibi turchi, proprio lì a due passi da casa abbiamo trovato -per la nostra gioia- un parco giochi fortissimo:



   Spanheimstrasse, Mitte, Berlino

Non enorme, ma con questa struttura bellissima con ponti e scalette dove arrampicarsi a volontà.
Come la maggior parte degli Spielplaetze in Germania e al Nord in genere, c'è la sabbia, quindi molti bambini giocano a piedi nudi senza troppi problemi (è evidente che il divieto di ingresso ai cani funziona!).
Di ritorno dalle visite a musei e monumenti, era la nostra ultima tappa prima di tornare a casa. E nessuno era mai troppo stanco per una corsa o un'arrampicata, ve lo posso assicurare!

Abbiamo camminato un sacco e abbiamo visto mille cose, raccontato mille storie, preso mille metropolitane e autobus. 

Il primo giorno siamo stati alla Porta di Brandeburgo e sul tetto del Bundestag, dove c'è quella grossa cupola di vetro sotto cui si riunisce il parlamento tedesco e una terrazza da cui si vede tutta la città. 
Dopodiché era tempo di giocare: basta attraversare la strada e si aprono i verdi prati e i boschi del Tiergarten, un enorme parco pubblico che si estende per vari km ad ovest della Porta di Brandeburgo.

Immagino che di parchi-gioco ce ne siano tanti. Noi abbiamo trovato questo: 





   Tiergartenstrasse, Spielplatz Tiergarten III, lato LuisenInsel, Berlino

Ben ombreggiato, con diverse aree per piccoli e per grandi, carrucola, ruspa, panchine, sabbia (come al solito), torretta con scivolo e torre di corde per arrampicarsi.
Anche questo ci è piaciuto molto, ovviamente, i miei figli non volevano più andare via e hanno monopolizzato la ruspa per almeno un'ora :).

Il giorno dopo invece siamo andati a camminare lungo la Sprea, dove è stato lasciato in piedi un lungo tratto di Muro che dal 1990 è stato dipinto da numerosi artisti stranieri con i temi della pace e della fraternità tra i popoli e trasformato in monumento. E' la cosiddetta East Side Gallery.
Da lì, poiché era una bella giornata, mite e soprattutto senza pioggia, abbiamo deciso di camminare fino al mercato turco di Kreuzberg. Non è vicinissimo ma "lemme lemme" -come si dice a Milano - ce l'abbiamo fatta.

Certo ci ha aiutato, lungo il cammino, incontrare qualche spazio verde come questo, dove un semplicissimo gioco di legno ci ha fatto trascorrere una piacevole pausa. Certe volte basta davvero poco!!!!




   Bethaniendamm/Engelsdamm, Berlino

E' un posto strano questo. Qui una volta passava il Muro. Incredibile no? E la città ha scelto di lasciare vuota questa ferita facendone un luogo per passeggiare e riposarsi.

Un pomeriggio siamo entrati ad esplorare gli Hackesche Hoefe, sempre a Mitte. Si tratta di un complesso di alcuni cortili, collegati tra loro, originariamente luogo di commerci e istituzioni ebraiche, oggi luogo di divertimento con negozi, bar, cinema e teatri.  E' un posto molto vivace e molto frequentato. E cosa abbiamo trovato anche qui? Una bella sabbiera, intorno ad un vecchio albero frondoso, con anche un sacco di palette e secchielli a disposizione di tutti. Potete immaginare come sprizzavano di gioia gli occhi dei piccoli!


                Hackesche Hoefe, Berlino

E infine un altro parco giochi dove non siamo stati e che ho visto da lontano l'ultima volta che sono stata a Berlino: l'arcobaleno del Mauerpark.
Anche qui passava il Muro (eh vi dovete abituare alla storia di questa strana città!), ce n'è ancora un pezzettino, colorato dai graffitari. Lo spazio a ridosso del Muro la domenica mattina è luogo di un grandissimo mercato delle pulci e di un karaoke. Inoltre ci sono prati per giocare (un po' spelacchiati, potrebbero essere tenuti meglio) e in fondo un parco giochi chiamato appunto Regenbogenspielplatz (cioè parco giochi dell'Arcobaleno)..e guardate un po' perchè: 


   Mauerpark, Berlino


Tutto questo per dirvi che Berlino è davvero una città a misura di famiglia, e il mio consiglio è quella di girarla a piedi, anche se le distanze possono essere enormi, e di guardarsi intorno perché si scoprono angoli davvero insoliti.

Scoprirete che in molti cortili, nei quali si può entrare liberamente (osate pure), c'è quasi sempre una sabbiera, a volte delle altalene e un parcheggio per le biciclette.




Che in ogni angolo lasciato libero dalle case, c'è un parco giochi.
Che i parchi gioco sono spesso originali e fantasiosi (a voi il compito di scoprirne nuovi in questa meravigliosa città)
Che i bambini, visto che c'è la sabbia, e non c'è ombra di cane, stanno al parco a piedi nudi.
Che i bambini si arrampicano, si rotolano, cadono, senza troppi piagnistei e spesso senza che le madri o i padri intervengano.
Che ci sono un sacco di papà al parco e in giro per la città con passeggini e carrozzine.
Che quasi tutti i locali hanno un menù bambini, che costa la metà di quello degli adulti, e spesso è grande uguale.
Che molti locali hanno un angolo gioco per i bambini.




Che spesso al ristorante, nell'attesa, vengono dati ai bambini fogli e colori per disegnare.
Che il genitore con bambino non viene considerato un extraterrestre.


                   (trad. "aiutiamo volentieri!")

Non vorrete più ripartire!!!

Questo è un invito ad andare Berlino, se non ci siete mai stati, o un invito a tornare, perché è una città che può accontentare tutti, grandi e piccoli, e vi rimarrà nel cuore!



Questi parchi gioco sono stati anche inseriti nella mappa del blog Playgroundaroundthecorner di Mary Franzoni, 
che ha l'obiettivo (splendido e geniale) di raccogliere informazioni, 
foto e commenti su parchi gioco in Italia e all'Estero. 

Se durante le vacanze o i vostri viaggi 
o dietro l'angolo di casa, 
avete incontrato o conoscete parchi gioco di qualsiasi tipo 
potete collaborare anche voi 
inviando le vostre segnalazioni ai seguenti contatti
su twitter  @playgroundmary 
via e-mail info@playgroundaroundthecorner.com 
su fb  playgroundarounthecorner
o inserendo direttamente i dati del parco qui

esiste anche un'app per Ios e Android 
clicca qui per informazioni 



3 commenti:

Marina Aglieri ha detto...

Grazie Clara! Diciamo che non sono molto interessata ai parchi giochi (non mi ero accorta di quello al Mauerpark, intenta com'ero a spendere soldi al mercatino!), però mi hai fatto ricordare luoghi che a me piacciono tantissimo! Che voglia di ritornare in quella bella casa (con annesso piccolo spazio per giocare).
Alla prossima, Mari

Manu - Genitorialmente ha detto...

Il tuo blog è davvero interessante e il post su Berlino molto utile. Purtroppo in Italia parliamo troppo spesso di famiglia e facciamo molto poco, all'estero andare in giro con i propri figli è davvero molto più facile. Impareremo!

Isaetta ha detto...

Ciao, sono arrivata qui dall'app! Parto per berlino domani, con la sedicimesenne, mi stampo il tuo post! Grazie