martedì 29 luglio 2014

20 giorni, 10 tappe, 2 nazioni, 2 monete, 2 lingue, 2 capitali, 2 mari



Viaggio con i miei figli, penso lo sappiate.

Hanno 7 e 11 anni e insieme abbiamo attraversato l’Europa.

Ci mancano ancora tante nazioni, e in molte siamo stati più di una volta.

Alcune ci piacciono molto e ci ritorniamo spesso: siamo inguaribili routard.

Ogni viaggio è un progetto, una sfida, un sogno coltivato a lungo.


Tra pochissimo partiremo di nuovo per un viaggio itinerante.


2 nazioni, 2 capitali, 2 mari, 10 tappe in 20 giorni, 
5 tipi di alloggi diversi, 2 lingue, 2 monete.


Qual è la vera sfida?  Non ci crederete, ma non è (solo) il viaggio in se’!

E’ resistere a tutti coloro che ci chiedono cosa ci andiamo a fare
 (eh???? Non ho capito la domanda!!!)

o peggio come facciamo a rinunciare al mare 
o peggio ancora se i bambini sono contenti.

Per noi l’estate significa viaggio, seppure con tappe prestabilite e quindi non del tutto all’avventura

(come fareste voi miei giovani lettori, e come magari faremo tra qualche anno).

E come tutti i viaggi è libertà di decidere cosa fare ogni giorno,
 di cambiare itinerario, di scoprire cose nuove 
o anche di non fare nulla e starsene in un parco 
a guardare le papere che nuotano.


Libertà di scoprire sempre il nuovo intorno a se’, di non avere mai certezze,

di scrutare l’orizzonte alla mattina 
e vedere se là in fondo c’è il faro tanto sognato.

Libertà di dormire (quasi) ogni notte in un posto diverso 
e tracciare linee sulla mappa.

Libertà di percorrere strade sconosciute per andare a vedere le foche, un castello, un museo, un bosco, una spiaggia.

Affittare una casa dai locals 
e chiacchierare in qualche lingua del più e del meno.

Andare all’ostello e conoscere persone nuove.

Vedere come vivono gli altri.

Riapprezzare le cose di casa, a volte.


Come potremmo rinunciare ad una sfida così?


E soprattutto chi indovina dove andiamo? 


Vabbeh vi lascio con due indizi: 
 - la prima: è in Europa (del nord), non ha l’Euro e la massima altitudine del paese è 300 m.
 - la seconda: è nella Mitteleuropa e nel 2014 festeggia un 25° anniversario molto importante

2 commenti:

Lisa.Ale ha detto...

Abbiamo letto tutto il post e stiamo cercando di indovinare dove siete diretti...ma proprio non ci viene in mente nulla! Non vediamo l'ora di leggere i vostri commenti al rientro :)

www.ecovibetheblog.blogspot.it

Chiara Pancaldi ha detto...

Bhe, alla faccia di chi vi dice che cosa ci andate a fare, a me sembra un itinerario molto interessante, mi ispira molto!
Danimarca e Germania giusto? L'ho intuito dagli indizi Sirenetta e Muro! :-)